Connect with us

Concerti

Stefano Bollani al Teatro Regio per una serata per la Fondazione Musy

Published

on

La convinzione che lo studio possa aiutare le persone detenute a costruire il loro futuro reinserimento nella società, la straordinaria musica di Stefano Bollani e il ricordo di Alberto Musy, avvocato, docente universitario e consigliere comunale, morto nell’ottobre 2013 in seguito a un attentato sotto casa.

Questi sono gli elementi di una serata speciale che si terrà lunedì 19 novembre alle ore 21 presso il Teatro Regio. Il tempio della musica torinese apre le sue porte al geniale estro di Stefano Bollani e al suo spettacolo Piano Solo. Non un tradizionale concerto, ma un flusso di coscienza, un vero e proprio omaggio all’arte dell’improvvisazione. Un one man show in cui tutto può accadere perché non esiste scaletta o programma di sala a cui aggrapparsi per seguire il succedersi dei brani. Un viaggio trascinante ed emozionante attraverso orizzonti musicali diversi che spaziano da Bach ai Beatles, da Stravinskij ai ritmi brasiliani, dal pop più conosciuto al repertorio italiano degli anni Quaranta.

Piano solo al Teatro Regio è un evento unico in cui musica e solidarietà si incontrano a sostegno del Fondo Alberto e Angelica Musy, che dal 2014 sostiene iniziative di solidarietà nei settori sociale, assistenziale, culturale e accademico, rivolgendo particolare attenzione al reinserimento delle persone che nel periodo detentivo hanno scelto di dedicarsi agli studi universitari.

“Mio marito”, ha spiegato Angelica Musy, vedova di Alberto, “aveva ascoltato per la prima volta Stefano Bollani a New York, dove insegnava all’università. Un incontro speciale per Alberto, appassionato di musica in generale e di quella di Stefano in particolare. Per questo mi piace l’idea di condividere con i suoi amici e con tutta la città un bel momento da trascorrere insieme, un concerto speciale il cui ricavato sarà interamente devoluto a finanziare borse di lavoro utili per consentire il reinserimento sociale e lavorativo dei detenuti”.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trend

Copyright © 2017 Cosafareatorino.it